Bologna-Frosinone 0-4, le pagelle dei canarini

Condividi la notizia!

di Roberto Mercaldo

Seconda vittoria stagionale per il Frosinone, che evidentemente non conosce mezze misure, visto che dopo il 3-0 di Ferrara con la Spal, ha centrato un ancor più ampio successo ai danni del Bologna, umiliato da ben quattro marcature. Gli uomini di Baroni hanno sbloccato presto il confronto e, forti anche della superiorità numerica propiziata dall’espulsione di Mattiello, hanno dominato il match, portandosi così ad un solo punto in classifica dai padroni di casa. Ma vediamo nel dettaglio come hanno interpretato la gara i giocatori in maglia giallazzurra.

SPORTIELLO 7

In avvio di gara una sua prodigiosa parata su Orsolini impedisce al Bologna di trovare un repentino vantaggio. Per il resto del match è spettatore o poco più. Dopo il superlavoro delle gare precedenti, un po’ di riposo era auspicabile…


CAPUANO 6,5

Un cartellino giallo precoce potrebbe condizionarne la prestazione, ma stavolta l’ex Cagliari ha grande determinazione da porre sul piatto di una bilancia sulla quale Sansone e compagni non trovano alcun equilibrio.


SALAMON 6,5

Non sempre stilisticamente impeccabile, ma stavolta dannatamente efficace. Chiedere a Palacio e compagni, che dalle sue parti non hanno trovato alcun frammento di gloria.

KRAJNC 6,5

Esegue gli ordini di scuderia con grande diligenza, francobollando impietosamente gli avanti felsinei e impostando il gioco con grande tranquillità. Conferma una condizione fisica in crescendo, che va di pari passo con l’autostima.

GHIGLIONE 7,5

 

Ha il merito di sbloccare il confronto, con un gol che se non altro dimostra quale convinzione alimenti i suoi slanci agonistici. In fase d’interdizione mostra grandi virtù, risultando quasi sempre vincitore nei duelli individuali.

CHIBSAH 6

La sensazione è che stia un po’ tirando il fiato, dopo aver “cantato e portato la croce” per tutta la seconda parte del girone di andata. Meno brillante nella sua specialità precipua, quella di guadagnare palloni preziosi a centrocampo, ma sempre utile alla causa grazie a una volontà che non conosce confini.

MAIELLO 7

Dopo l’opaca prestazione contro l’Atalanta, chiarisce che si è trattato soltanto di una giornata no, orchestrando il gioco canarino con grande sapienza e dettando i ritmi in modo impeccabile. Le sue verticalizzazioni sono  spine nel fianco di un Bologna smarrito e incapace di adottare opportune contromisure.

CASSATA 6,5

Peccato per il giallo che gli impedirà di esserci nel match casalingo contro la Lazio. Protagonista di una gara tignosa e impreziosita da alcune giocate di indubbia qualità.

GORI 6

Finalmente si rivede in campo il centrocampista ciociaro, sia pure per uno spicchio di gara. La situazione di punteggio è già tranquilla, ma Mirko non è tipo da fare calcoli e risparmiare energie.

BEGHETTO 8

Devastante sulla corsia di competenza, con un’accelerazione da “terzino vecchi tempi” destabilizza l’ordine bolognese e mette Ghiglione nelle condizioni di sbloccare il match, replicando poi in favore di Camillo Ciano. Praticamente la gara finisce lì, ma lui non è di questo avviso e continua a dispensare corse proficue e giocate di buona qualità.

CIANO 7,5

Sulla seconda affermazione stagionale dei canarini c’è la sua doppia firma: rapace il primo gol, freddo e… riconoscente il secondo, per il prezioso regalo di Pulgar. Il punto del 4-0 peraltro ricorda un po’ un gol che resterà nella storia del Frosinone, il 2-0 al Palermo, anche se quel pallone pesava dieci volte di più. Adesso lo attendiamo alla replica

TROTTA NG

Benvenuto in casa canarina. I suoi centimetri e la sua tecnica saranno utili per il sogno salvezza.

PINAMONTI 7

Il baby di scuola nerazzurra non si lascia scappare l’occasione per realizzare il terzo gol di giornata del club canarino e il suo terzo centro personale. L’esultanza testimonia quanto abbia sposato la causa del Frosinone e suona come una promessa per le gare che verranno.

CIOFANI NG

Uno scampolo di gara per il capitano giallazzurro, tra voci di mercato e voglia d’incidere nel sogno di un popolo che ormai gli appartiene.

BARONI 7

Aveva detto che la gara non era da dentro o fuori, ma in realtà sapeva benissimo che senza i tre punti di Bologna il resto della stagione avrebbe avuto il sapore amaro delle cose inutili. Bravo lui e bravi i suoi ragazzi ad allungare il percorso, ancora lungo e tortuoso, della speranza.

(Foto Frosinone Calcio)

Condividi la notizia!

Roberto Mercaldo

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it", è stato Caposervizio dei quotidiani "Ciociaria Oggi" e "Il Quotidiano della Ciociaria" e responsabile delle pagine sportive del quotidiano "La Provincia".