Il Sassuolo sogna l’Europa con De Zerbi

Condividi la notizia!

Il Sassuolo è attualmente la settima forza del campionato a pari merito con Atalanta, Roma e Parma. 21 i punti messi in cascina finora dagli emiliani, che hanno messo a referto cinque vittorie e sei pareggi. Quatto i ko incassati dai neroverdi che hanno messo a segno 24 reti, concedendone 22. La squadra di Roberto De Zerbi ha ottenuto tre pari e una sconfitta nelle ultime quattro uscite. La zona Europa League è ad appena una lunghezza di distanza e al “Mapei Stadium” si sogna di replicare la cavalcata della stagione 2015-2016 sotto la guida di Eusebio Di Francesco.

Mister De Zerbi l’arma in più dei neroverdi

Il “Sasòl” pratica un calcio basato sul fraseggio corto e sul possesso palla prolungato che lo rendono spesso spumeggiante. L’attitudine a controllare il gioco a prescindere dall’avversario che si affronta è una delle peculiarità del “DeZerbismo”. L’ex tecnico del Benevento ha alternato finora il 4-3-3 e il 3-4-3, mantenendo dunque sempre il tridente offensivo. Allo “Stirpe” il Sassuolo dovrebbe scendere in campo con uno schieramento difensivo a quattro. Tra i pali ecco l’esperto Andrea Consigli, con il Giacomo Satalino e il veterano Gianluca Pegolo a completare il roster di portieri.

Magnanelli e Locatelli si giocano una maglia con Sensi

Il pacchetto arretrato sarà composto dallo spagnolo Pol Lirola e dal brasiliano Rogério sulle fasce, mentre al centro l’ex Barcellona Marlon affianca Gian Marco Ferrari. Pronti a subentrare Mauricio Lemos, Federico Peluso, Giangiacomo Magnani e Cristian Dell’Orco, mentre sono attualmente indisponibili Claud Adjapong e Leonardo Sernicola. In cabina di regia il nazionale azzurro Stefano Sensi – anche se non al meglio – resta favorito su capitan Francesco Magnanelli e sull’ex Milan Manuel Locatelli, ad agire da mezzali saranno, invece, il marocchino Mehdi Bourabia e il ghanese Alfred Duncan. Non sarà della partita il serbo Filip Djuricic, espulso per proteste nella sfida di domenica scorsa con la Fiorentina.

Babacar sarà affiancato da Berardi e Di Francesco

Il tridente offensivo dovrebbe vedere Khouma El Babacar come riferimento centrale, con Domenico Berardi e Federico Di Francesco a supporto. Partirà dalla panchina il centravanti Alessandro Matri, al pari del giovane danese scuola Inter Jens Odgaard, del talento scuola Roma Alberto Brignola e dell’ex Crotone Marcello Trotta. Ai box per infortunio l’ivoriano Jérémie Boga e, soprattutto, Kevin-Prince Boateng, fermato da una lesione muscolare al piano pelvico dopo aver realizzato quattro reti in avvio di campionato. Per il Frosinone si tratta di una sfida ostica contro la macchina da gol costruita da De Zerbi. Servirà una prova impeccabile da parte dei leoni giallazzurri che, negli otto precedenti, non hanno mai battuto i neroverdi.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.