Amata: per i responsabili del crimine ambientale la poena cullei (pena del sacco)

Condividi la notizia!

L’esponente della Lega Andrea Amata interviene sulla drammatica situazione che sta vivendo in questi giorni la citta di Ceccano, con il fiume Sacco martoriato giorno e notte da schiume chimiche inquinanti per le quali ancora non sono stati individuati i responsabili.

“Chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati. Sembra essere questo l’approccio delle ultime ore al problema dell’inquinamento del fiume Sacco e della schiuma che galleggia sull’acqua. Non è così – spiega Amata – che si affrontano le problematiche, soprattutto quando assumono i contorni di vere e proprie emergenze.

Sono anni che da più parti si denuncia la situazione, ma le Istituzioni, a partire dalla Regione Lazio fanno sempre finta di non sentire. La questione del fiume Sacco è il simbolo di un’Italia e di una certa parte politica che va messa definitivamente da parte.

Già con il declassamento del sito e il riavvio di tutte le procedure di perimetrazione si era evidenziata questa distanza tra le istituzioni e i cittadini. Ora ci sono, faccio solo un esempio, 8 siti da bonificare nell’area dichiarati urgenti ed è un anno che non si da seguito all’iter. Questa politica che rallenta e intoppa il paese”.

 

Massima severità per i responsabili

“E’ ora di dire basta – conclude l’esponente della Lega – e di prendere sul serio in mano la situazione e di vigilare con tutti i sistemi tecnologici per identificare i responsabili del crimine ambientale che meriterebbero quanto previsto dal diritto romano, la poena cullei (pena del sacco), per i colpevoli del parricidio perché coloro che stanno causando l’inquinamento del Sacco nel territorio di Ceccano stanno martoriando ciò che in questi decenni hanno custodito con saggezza i nostri avi: quello che di più caro abbiamo, quindi la nostra terra”.

 

Condividi la notizia!

Marco Ceccarelli

Marco Ceccarelli è giornalista e fotoreporter, attualmente Direttore Responsabile di TuNews24.it. La sua carriera inizia nel 2004 presso il quotidiano Ciociaria Oggi, occupandosi prima di cultura e spettacolo come collaboratore e passando successivamente alla cronaca come redattore, quindi diventando responsabile della cronaca nera provinciale fino al 2014. Nel frattempo ricopre anche il ruolo di Direttore Responsabile di alcune riviste locali, come Beautycase, ed è corrispondente del quotidiano nazionale Il Giornale per le province di Frosinone e Latina. Quindi, dopo aver fondato nel 2013 la società di Comunicazione e Marketing Globalpress S.r.l., entra a far parte del Gruppo Editoriale Perté, ricoprendo in un primo momento il ruolo di Direttore Editoriale del mensile Perté Magazine e di Radio Perté, successivamente anche del settimanale cartaceo Perté Week e del quotidiano web Perté Online. Sempre nell’ambito di tale progetto, presta servizio presso l’emittente Lazio Tv, dove idea diverse trasmissioni televisive e radiotelevisive. Dopo tali esperienze, nel 2015 decide, con l’avvento del Frosinone Calcio in serie A, di fondare il settimanale Tu Sport di cui è Direttore Responsabile e, pochi mesi dopo, dà vita anche al settimanale generalista Tu News. Nel frattempo accetta l’incarico di Direttore Responsabile della rivista mensile Frosinone In Vetrina e in seguito anche di Ciociaria & Cucina Excellence". Quindi dà vita al quindicinale cartaceo Non Solo Annunci,  alla rivista mensile poket patinata Ciociaria da Vivere e ai quotidiani online TuNews24.it e Il Corriere della Provincia. Negli anni 2019 e 2020 intraprende la gestione del canale provinciale di Frosinone di Lazio Tv, accetta l'incarico di Direttore Responsabile del mensile web nazionale Valori e Cultura e riporta in vita lo storico marchio dell'informazione ciociara La Provincia Quotidiano. Da ultimo (ma solo per ora) prende la direzione della testata culinaria Il Pappamondo e del magazine di salute e benessere Medical Group.