martedì 28 Maggio 2024
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAttualitàFrosinone - L’Istituto Agrario diventa Green School

Frosinone – L’Istituto Agrario diventa Green School

L’IIS Angeloni presenta le ultime innovazioni adottate e i nuovi dispositivi acquistati grazie ai fondi Europei di Sviluppo Regionale del PON Scuola “Edugreen”

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

Sole, verde, natura e rispetto dell’ambiente, a far da cornice alla splendida mattinata organizzata dall’IIS Luigi Angeloni per presentare le ultime innovazioni super tecnologiche di cui il plesso si è dotato grazie ai significativi contributi del PON Scuola (Piano Operativo Nazionale, in sostanza fondi strutturali europei).

L’iniziativa

“La vulcanica” Preside, professoressa Cristina Boè, così l’ha definita il sindaco di Frosinone, il dottor Riccardo Mastrangeli, tra gli ospiti presenti, ha illustrato, non senza il giusto entusiasmo ed un velo di commozione, “il risultato di mesi e mesi di lavoro e di impegno”.

- Pubblicità -

Le parole della Preside dell’IIS Luigi Angeloni, professoressa Cristina Boè

“I nuovi dispositivi elettrici di cui l’Istituto si è dotato, quelli digitali, l’impianto fotovoltaico, la ristrutturazione ed il potenziamento della serra sono – ha precisato il Dirigente Scolastico i frutti di un lungo lavoro. L’impegno costante dello staff scolastico ha fatto sì che potessimo beneficare di ciò che la Comunità Europea ci offre in termini di capitalizzazione. Sono davvero tanti i fondi da cui abbiamo potuto attingere. La gestione di tali investimenti e lo star dietro alle tante e diverse scadenze è stato un lavoro molto impegnativo. Abbiamo messo in moto la nostra consueta e valida macchina amministrativa e contabile per rendicontare i diversi progetti. Oggi possiamo finalmente festeggiare. Abbiamo raggiunto l’obiettivo. Ce l’abbiamo fatta!”.

Un plauso la Preside lo ha rivolto al dottor Luigi Santilli, Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi dell’IIS Luigi Angeloni, braccio operativo della complessa ma proficua gestione amministrativa e contabile dei fondi PON.

- Pubblicità -

L’intervento del consigliere regionale Daniele Maura e del sindaco di Frosinone Riccardo Mastrangeli

Proprio sulla capacità di attrarre e utilizzare i fondi dell’Istituto, Tecnico e Professionale ha speso parole di plauso e di incoraggiamento il consigliere regionale, Onorevole Daniele Maura, anch’egli tra le autorità politiche invitate.

“Un Istituto vivo ed attivo – il suo intervento – che fa onore al territorio. Un plauso per la competenza specifica volta all’adesione di importanti progetti di investimento che hanno, come idea di ambiente, la tutela del territorio”.

- Pubblicità -

Tecnico l’intervento del sindaco Riccardo Mastrangeli sulla progettualità e sulla sensibilità manifestate dalla scuola.

“Siamo i responsabili di ciò che è stato, dell’abuso perpetrato – ha chiosato il primo cittadino – Ed è per questo che saremo noi i primi responsabili di un modo diverso di investire proteggendo l’ambiente”.

In rappresentanza dell’ente comunale di Frosinone, anche l’assessore alla Pubblica Istruzione, dottoressa Valentina Sementilli. Tra i presenti anche il nuovo Presidente del Consiglio di Istituto, il signor Danilo Incitti.

Il commento del personale scolastico

Interessanti gli interventi degli esperti, moderati dalla professoressa Claudia Messia, primo collaboratore del Dirigente Scolastico. Il professor Davide Cicciarelli ha illustrato nel dettaglio il progetto della coltura idroponica con fine didattico, grazie al quale nella scuola è già stato portato a termine un ciclo di produzione di lattuga.

“Si tratta di una tipologia di coltivazione senza suolo, che prevede appunto l’adozione di tecniche alternative di coltivazione con l’impiego di un substrato e con l’utilizzo dell’acqua”.

Un sistema altamente innovativo e proficuo che consente ad un prodotto di scarto di tornare in circolo producendo vegetali. Il professor Giuseppe Sanna, collaudatore delle opere messe in atto, si è soffermato sull’importanza del nuovo modo di fare agricoltura, biologica o ambientale.

“Si coltiva – ha detto – ma allo stesso si riesce a salvaguardare l’ambiente, senza alterazioni e senza squilibri, rispettando la biodiversità”.

In ultimo, l’intervento del professor Costantino Baioni sul Vetiver (Chrysopogon Zizanioipes), una sorta di “pianta ingegnera” che guida la rivoluzione ecologica.

“Il termine “ingegnera” – ha precisato l’esperto – deriva dalla validità delle sue radici che consentono un ancoraggio al suolo, utile per garantire stabilità ai versanti franosi”.

Straordinarie le proprietà di tale pianta, che pone le sue origini nel Sud Est Asiatico: semplice, non invasiva, ignifuga, con alta efficacia fotosintetica, ricca di silicio, utilizzata per profumi ed alta cosmesi ma soprattutto nemica dell’inquinamento, in primis della temuta CO2.

“Basta un ettaro di Vetiver per catturare tonnellate di CO2 disperse nell’aria – ha precisato con entusiasmo l’esperto – Utilizzata anche al posto del cloro nella piscina, disinfetta e mantiene l’ambiente pulito ed igienizzato. Una vera officina ambientale che unisce la produttività al rispetto. Due valori dal connubio perfetto!”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazionehttps://www.tunews24.it
SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Facebook: TuNews24 e TuSport24
Instagram: TuNews24 e TuSport24
Youtube: TuNews24
Telegram: TuNews24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24