Verso Frosinone-Lecce: il punto sulla squadra di Baroni

Condividi la notizia!

Domani pomeriggio lo “Stirpe” vedrà protagoniste due tra le squadre più in forma del campionato. Da un lato il Frosinone di mister Grosso che ha raccolto undici punti nelle ultime cinque uscite, dall’altro il Lecce di Marco Baroni che è imbattuto dalla prima giornata. Dal ko all’esordio con la Cremonese, infatti, i salentini hanno messo a segno una striscia di undici risultati positivi che li hanno portati al secondo posto solitario in graduatoria. Soltanto un punto di distacco dal Brescia primo della classe che nel confronto dello scorso 28 ottobre al “Rigamonti” ha riacciuffato in extremis il pari contro i giallorossi.

Il direttore generale Pantaleo Corvino e il direttore sportivo Stefano Trinchera hanno allestito un organico di primo piano per ambire al ritorno in massima serie. Mister Baroni ha a disposizione il giusto mix di esperienza e gioventù. I risultati sono finora dalla parte del tecnico toscano che domani proverà a interrompere la striscia positiva della sua ex squadra. Allo “Stirpe” sarà confermato il 4-3-3, marchio di fabbrica di questo inizio di stagione. Tra i pali fiducia al brasiliano Gabriel, che in questa stagione ha saltato soltanto due partite in cui ha trovato spazio il salentino doc Marco Bleve. Al centro della difesa faranno coppia Fabio Lucioni e Kastriot Dermaku, considerate anche le condizioni non ottimali di Biagio Meccariello e Alessandro Tuia. Sulla fascia destra si è imposto il francese ex Amiens Valentin Gendrey, preferito sin qui all’ex Bologna Arturo Calabresi, mentre sulla corsia mancina sta trovando continuità Antonio Barreca, prelevato in prestito dal Monaco.

In cabina di regia mister Baroni si affiderà ancora al danese Morten Hjulmand, mentre sulle mezzali punterà sulle abilità di inserimento dell’ex Cittadella Mario Gargiulo e dello sloveno Zan Majer. Il reparto avanzato vedrà l’italo-brasiliano Gabriel Strefezza sulla destra, mentre a sinistra è ballottaggio tra l’ex Juventus Under 23 Marco Olivieri e lo spagnolo scuola Real Madrid Pablo Rodriguez. Il riferimento centrale sarà ovviamente Massimo Coda, capocannoniere della Serie B con otto reti e già mattatore del Frosinone lo scorso 20 marzo con una doppietta nello 0-3 a domicilio rifilato dai leccesi. Non saranno del match Francesco Di Mariano, fermato da un trauma distorsivo alla caviglia sinistra, e l’ex di turno Luca Paganini, messo ai box da una lombalgia.

La sfida dello “Stirpe” promette spettacolo vista la caratura delle due compagini. Il Lecce proverà a consolidare il posto in zona promozione diretta, ma il Frosinone non starà di certo a guardare. La squadra di Grosso vuole fare lo sgambetto ai salentini e regalare un’altra gioia ai propri tifosi dopo il brillante successo di Benevento prima della sosta del campionato.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.