Anagni – Consiglio comunale aperto sul biodigestore, le precisazioni di Davide Salvati

Condividi la notizia!

Il Presidente del Consiglio comunale, Davide Salvati precisa l’iter burocratico-amministrativo circa il Consiglio comunale aperto sul biodigestore tenutosi lo scorso 24 giugno: «Abbiamo appreso dalla stampa che il Prefetto di Frosinone avrebbe intimato di convocare immediatamente un Consiglio comunale sul biodigestore ma si tratta di una notizia falsa e tendenziosa e spiego perché. Innanzitutto nella seduta di Consiglio, svolta in data 24 giugno come tutti sanno e si è svolto nella forma “aperta” poiché su tali materie, non di competenza comunale, non possono esserci deliberazioni di sorta. In merito alla diffida pervenutami dal Prefetto dopo l’esposto dei Consiglieri di minoranza è bene evidenziare che già in data 14 luglio ho provveduto a rispondere a S.E. Portelli spiegando che al fine di rispettare le norme che impongono la riunione dell’adunanza richiesta, è stato convocato con prot. n. 19501 del 18.06.2021, il Consiglio comunale per le ore 9.30 del giorno 24 giugno 2021 presso la “Sala della Ragione” per discutere il seguente ordine del giorno: Realizzazione impianto Biodigestore Energia Anagni Srl. Il differimento di un giorno per lo svolgimento della seduta, è da collocarsi esclusivamente all’esigenza organizzativa di permettere la partecipazione a tutti gli attori presenti alla seduta, garantendo così una chiara e trasparente discussione di un argomento complesso, tecnicamente e politicamente. Chi parla di mancata trasparenza della seduta mente poiché, ed è visibile anche attraverso la registrazione video, è stata data la possibilità a tutti di intervenire e poiché il sottoscritto è garante del corretto svolgimento delle sedute non ritengo sia giusto né rispettoso essere dipinto in un determinato modo da certa stampa che, prima di scrivere articoli, dovrebbe leggere bene le carte. Ne va della deontologia dei giornalisti. Non negando la complessità del tema trattato e quella di disciplinare un’adunanza particolarmente ed emotivamente sentita per la comunità anagnina, non ho in nessun caso posto in secondo piano il rispetto delle regole, garantendo i principi di imparzialità e buon andamento stabiliti dall’art. 97 della Carta Costituzionale».

Per chiarezza d’informazione, il Presidente del Consiglio Salvati, spiega: «Ci sono articoli di giornale che vorrebbero influenzare il dibattito pubblico dando informazioni sbagliate, ma voglio specificare ai cittadini che non vi può essere un ulteriore Consiglio comunale sul biodigestore, per di più con poteri deliberativi in quanto la materia ambientale non è di competenza dell’Ente e pertanto né i consiglieri, né il sindaco possono prendere decisioni in materia. Quello sì che sarebbe contrario alle leggi».

Condividi la notizia!

Monica D'Annibale

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università di Cassino con una tesi dal titolo "Il giornalismo partecipativo e la viralizzazione delle notizie". Collabora con il quotidiano online "TuNews24.it" e con il settimanale cartaceo "Tu News", dove all'interno cura anche la rubrica enogastronomica "Tu Food". In passato ha collaborato anche con il quotidiano "Ciociaria Oggi" e con il quotidiano online "L'Unico - Quotidiano Indipendente di Roma".