Frosinone – La Guardia di Finanza compie 247 anni. La cerimonia al Comando provinciale

Condividi la notizia!

Oggi, al Comando Provinciale di Frosinone, ha avuto luogo la cerimonia celebrativa del 247° anniversario dalla fondazione del Corpo delle Fiamme Gialle.

Una cerimonia in linea con le limitazioni legate all’emergenza Covid alla quale hanno preso parte il comandante regionale Lazio, generale di Corpo d’Armata, Rosario Lorusso; del Prefetto della provincia di Frosinone, Ignazio Portelli, del comandante provinciale, il colonnello Alessandro Gallozzi; dei Comandanti dei Reparti ubicati nella provincia di Frosinone, del delegato dell’organo di rappresentanza militare e di una aliquota di militari in servizio.

Custodi delle gloriose tradizioni e della storia del Corpo, erano presenti, altresì, i presidenti delle Sezioni dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia di Frosinone-Alatri, Cassino e Ceprano. Presenti anche il questore Leonardo Biagioli; il procuratore capo della Repubblica di FrosinoneAntonio Guerriero; il presidente della Provincia, Antonio Pompeo; il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani; il deputato Luca Frusone; la direttrice generale della Asl, Pierpaola D’Alessandro; il comandante provinciale dei carabinieri, Alfonso Pannone.

autorità
Parte delle autorità presenti

Il colonnello Alessandro Gallozzi ha espresso il proprio vivo apprezzamento per l’encomiabile e diuturna attività svolta dalla Fiamme Gialle nel corso dell’anno 2020 per garantire l’osservanza delle misure di contenimento dell’epidemia da Covid-19 imposte dal Governo e, al contempo, per assicurare la tranquillità a tutti i cittadini, molti dei quali, in varie occasioni, hanno espresso gratitudine e vicinanza ai Finanzieri della provincia per l’impegno e la dedizione con i quali hanno assicurato la protezione e la salvaguardia della loro vita e di quella dei propri cari.

A conclusione del suo discorso, non sono mancate le attestazioni di ringraziamento, ammirazione e stima nei confronti del Comandante Regionale Lazio per la preziosa attività di indirizzo e supporto alle attività operative, del Prefetto di Frosinone per la saggia ed equilibrata attività di alta direzione e coordinamento delle forze dell’ordine e per la spiccata sensibilità istituzionale, nonché delle Autorità Giudiziarie di Frosinone e Cassino, alle quali ha nuovamente assicurato una continua e massima collaborazione nell’espletamento delle indagini affidate, del Questore e del Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri per la concreta e leale collaborazione sul territorio a tutela della legalità.

festa finanza 2021
Un momento dell’intervento del comandante provinciale Gallozzi

Al termine della cerimonia, il vescovo di Frosinone, monsignor Ambrogio Spreafico, ha proceduto alla benedizione della stele a ricordo dei caduti del Corpo della Guardia di Finanza. A seguire, il comandante Regionale Lazio e il prefetto Portelli, unitamente al comandante provinciale, hanno deposto una corona di alloro ai piedi della citata Stele.

Come da consuetudine, la ricorrenza dell’anniversario di fondazione del Corpo della Guardia di Finanza costituisce occasione per divulgare e illustrare, seppur sinteticamente, i risultati delle attività svolte dal Comando Provinciale di Frosinone nei vari settori di servizio nell’anno 2020.

Lotta all’evasione, all’elusione e alle frodi fiscali

Interventi mirati e selettivi, fondati sull’incrocio delle banche dati fiscali e di polizia, sul controllo economico del territorio e sulle risultanze delle indagini di polizia giudiziaria e valutaria, nei confronti dei contribuenti ad elevata pericolosità fiscale e, in particolare, verso coloro che pongono in essere condotte fraudolente e illeciti a carattere internazionale: è questa, in sintesi, la strategia adottata dal Corpo dall’inizio della pandemia per arginare i più gravi e diffusi fenomeni di illegalità tributaria e tutelare l’economia legale dall’illecita concorrenza dei frodatori del fisco e dei grandi evasori.

finanza frosinone

Nel 2020 il Comando Provinciale di Frosinone ha scoperto 69 evasori totali, vale a dire esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo completamente sconosciuti all’Amministrazione finanziaria, i quali hanno complessivamente realizzato un’evasione fiscale per oltre 215 milioni di IVA in conseguenza dell’omessa dichiarazione dei corrispettivi percepiti, nonché 90 lavoratori in “nero” o irregolari.

Sono state eseguite, inoltre, 220 indagini di polizia giudiziaria per reati tributari, che hanno portato alla denuncia di 113 soggetti, di cui 1 tratto in arresto. Il valore dei beni sequestrati per reati in materia di imposte dirette e IVA è di circa 3 milioni di euro, mentre le proposte di sequestro tuttora al vaglio dell’Autorità Giudiziaria ammontano a circa 200 milioni di euro.

Sono 2 i casi di evasione fiscale internazionale scoperti, principalmente riconducibili alla fittizia localizzazione all’estero della residenza fiscale di persone fisiche e giuridiche e all’illecita detenzione di capitali oltreconfine. Ammontano, invece, a 42 gli interventi eseguiti in materia di accise, anche a tutela del mercato dei carburanti. Complessivamente, sono state sequestrate oltre 100 mila chilogrammi di prodotti energetici.

I controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare sono stati 21, riscontrando 5  violazioni.

Condividi la notizia!

Redazione

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Instagram: Tu News 24 e Tu Sport 24
Youtube: Tu News 24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE