Sale o zucchero: quale dei due fa più male?

Condividi la notizia!

Difficile districarsi nella giungla di quali alimenti facciano più male alla nostra salute e se sia più nocivo il sale o lo zucchero. Il consumo eccessivo di sale e zucchero può essere associabile a un’ampia varietà di malattie. Difatti, è fortemente consigliato limitarne il consumo di sale e zucchero come misura precauzionale per favorire il benessere. Tuttavia, alcuni si domandano ancora quale dei due faccia più male se consumato in eccesso. Il Dott. Diego Parente, esperto in nutrizione clinica a Frosinone e Roma come professionista e specialista in nutrizione umana elabora piani personalizzati ed equilibrati, mirati al raggiungimento di specifici obiettivi, studiando la giusta ripartizione dei macronutrienti e permettendo così di consumare in maniera responsabile sale e zucchero. Nel complesso panorama dell’alimentazione è ancora più complicato riconoscere dalle etichette gli alimenti che contengono aggiunte di sale e zucchero, perché spesso non siamo consapevoli di ciò che compriamo e mangiamo. Ad esempio. lo zucchero viene utilizzato in moltissimi prodotti, spesso in maniera del tutto insospettabile, come ad esempio per la conservazione di cibi in scatola, per bilanciare la sapidità di alcuni alimenti o ancora come addensante.

GUARDA IL VIDEO

Non solo: lo zucchero compare sotto diversi nomi: destrosio, sciroppo di glucosio, maltosio, saccarina e fruttosio; e chi non è a conoscenza della composizione di questi elementi potrebbe pensare che ingerirli senza limiti non sia nocivo come per lo zucchero. Stesso discorso vale per il sale, che ritroviamo in tantissimi alimenti come: salsa di soia, snack, salumi, formaggi e salmone affumicato.

eccesso-di-zucchero-diego-parente-nutrizionista

Sale

Il sale è un alimento necessario per la vita e per la trasmissione degli impulsi nervosi. A differenza dello zucchero, necessitiamo di quantità molto limitate affinché le funzioni vitali si sviluppino nel modo corretto. Tuttavia, oggigiorno consumiamo più sale del necessario, favorendo così il sorgere di ipertensione, malattie cardio- e cerebrovascolari, oltre che patologie renali, osteoporosi e alcuni tipi di tumori. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) raccomanda per gli adulti una quota giornaliera di sale inferiore a 5g (corrispondenti a circa 2g di sodio). Secondo un’indagine condotta dall’Istituto superiore di sanità nel periodo 2012-14 nell’ambito del progetto “Meno sale più salute” gli italiani ne consumano quasi il doppio: 9,5 g gli uomini e 7,4 le donne. Una quantità in calo del 12% rispetto ai valori registrati nel periodo 2008-2011 ma ancora troppo elevata.

Zucchero

Lo zucchero, nello specifico il glucosio, che è una sostanza di cui si ha bisogno per vivere e indispensabile per il metabolismo energetico. Tuttavia, un consumo eccessivo di zucchero viene associato a una maggiore tendenza al sovrappeso e all’obesità, oltre che ad una maggiore probabilità di sviluppare patologie come il diabete. Inoltre, un consumo sproporzionato di zucchero potrebbe essere correlato con lo sviluppo di alcune tipologie di tumore (Plos One Journals).

I consigli del Dott. Diego Parente

Ormai un fatto acclarato che consumi eccessivi di sale e zucchero causino scompensi di salute, a cui poi in età avanzata è quasi impossibile porre rimedio. Inoltre, gli eccessi e le cattive abitudini alimentari sono i veri responsabili di determinate patologie a carico dell’organismo, nonché le caratteristiche e le specifiche predisposizioni di ognuno a sviluppare una patologia. Fondamentale risulta quindi lavorare sulle corrette abitudini alimentari, come ad esempio rinunciare ad azioni quotidiane come lo zucchero aggiunto a caffè o consumare quotidianamente crackers ricchi di sale. Una buona abitudine è ridurre gradualmente, giorno dopo giorno, l’uso dello zucchero e sostituirlo con alternative naturalmente contenenti zucchero come la frutta, il miele oppure con edulcoranti come la stevia. Ciò comporta diversi giovamenti, come quello di gustare il vero sapore degli alimenti ed eliminare l’eccesso di zucchero nel sangue. Per quanto riguarda il sale, questo fornisce gusto e sapidità ai nostri alimenti ma l’uso eccessivo, come visto, comporta gravi problemi di salute come l’ipertensione. Una buona abitudine per andare ad insaporire i nostri piatti è quella di sostituire il sale con delle spezie. Nel corso del tempo, il nostro palato ed il nostro organismo si adatteranno ai cambiamenti e riscopriremo il vero sapore dei cibi, oltre al fatto di migliorare notevolmente il nostro stato di salute.

Dott. Diego Parente – Biologo Nutrizionista

diegoparentenutrizionista.it

Telefono: +39 346 213 7260

Mail: parente.nutrizione@gmail.com

Condividi la notizia!

Redazione

SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Instagram: Tu News 24 e Tu Sport 24
Youtube: Tu News 24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE