Patrica – “Illusioni” in mostra a Palazzo Moretti dal 7 al 15 agosto. Intervista a Simona La Mattina

Condividi la notizia!

Mostra personale di Arte visiva a Palazzo Moretti di Patrica dal 7 al 15 agosto, dalle ore 18.30 alle ore 23.00. Vernissage il 7 agosto ore 18.30. In mostra “Illusioni” di Simona La Mattina, che abbiamo intervistato per l’occasione.

La tua pittura fa emergere tre elementi in particolare nella struttura compositiva: la prospettiva, la figura femminile e un avvenimento “esterno” che sta per accadere. Ce ne parli?

“Non amo descrivere i miei dipinti, ho sempre paura, dando delle “definizioni”, di togliere la magia della libera interpretazione che un lavoro artistico deve avere.   Ma per cominciare con una contraddizione ti rispondo:   i tre elementi sono sempre “in gioco” fra loro   1- Il fuoco della prospettiva è il punto di vista dell’osservatore   2- la figura (quasi sempre femminile) diventa     l’altro  “punto di vista”, quello di chi è collocato, “illusoriamente”,  dentro la scena e   3- ciò che sta per accadere o ciò che sta già accadendo, ( è  solitamente fuori inquadratura), ed è ciò che  rimette in discussione le posizioni dei due soggetti principali. Riconosco I “punti di vista”, solo come una limitazione di una realtà che è   molto più vasta, anche se assolutamente necessari per la sopravvivenza”.

Hai una formazione accademica, ma chi sono i tuoi punti di riferimento in ambito figurativo?

“Nell’ambito figurativo amo i contrasti di luce caravaggeschi, come quelli del grande Hopper;    l’arte giocosa applicata anche nelle architetture di Hundertwasser,    gli incarnati lividi di Klimt come quelli abominevoli di Jenny Saville    o quella sensazione di “altro” che solo Anselm Kiefer riesce a darmi. Per me è l’ultimo dei “romantici”, che in un’immagine riesce a suscitarmi sensazioni multiple e riflessioni a catena!”.

Cos’è per Simona La Mattina l’arte contemporanea, oggi?  

 “Troppo spesso l’arte contemporanea è una ricerca spasmodica di un nuovo linguaggio e invece mi risulta     essere un semplice “deja vu”.  Credo che negli anni ’70/ ’80, dello scorso secolo, abbiamo finito la sperimentazione di linguaggi.    Amo pensare che più che una tecnica o un linguaggio che comunque rimane compreso da pochi, l’arte possa oggi tornare ad essere un modo ludico per dare e ricevere messaggi importanti.    L’arte è uno strumento forte proprio perchè non ha un linguaggio univoco ma parla diverse lingue, per trasformare e far riflettere la società su dove si sta vergendo

Che ne pensi dell’Iperrealismo in arte, ultimamente piuttosto dilagante?   

“Immagino sia divertente per un pittore realizzare un’opera iperrealista    e come osservatore sia affascinante il suo virtuosismo. Posso fermarmi con stupore dinanzi un’opera di perfetta riproduzione ma se non ha dell'”altro” mi chiedo: che senso ha? …e se non ha dell'”altro” che arte è?    L’arte per me è il pensiero creativo e spesso anche un bozzetto può avere dignità d’opera d’arte, e quindi a volte mi chiedo: perché scegliere di guardare o fare un dipinto iperrealista anziché una buona fotografia? e che differenza c’è fra un bel vaso o un viso perfettamente riprodotto? Nulla.”

Nel mondo dell’Arte in generale c’è qualcosa che ti stimola particolarmente?   

L’arte per sua natura è tutto ciò che c’è di vitale nel mondo che conosco. L’arte in sé è stimolante. Posso citare una frase di Einstein? “L’arte è l’espressione del pensiero più profondo nel modo più semplice”.

La tua è una pittura riflessiva, interiore, che riflette anche problematiche importanti.      Che ne pensi dell’arte che invece tende alla provocazione?   

Che ben venga l’arte provocatoria… adoro il gioco purché non sia fine a se stesso ma propedeutico ad una reazione!

Qual è il messaggio che vorresti giungesse immediatamente a chi guarda i tuoi lavori?

Vorrei che i miei dipinti riflettessero questo mio pensiero:

che tutto non è come sembra… che esistono apparentemente più realtà ma che in fondo è solamente un’illusione. Noi facciamo parte di un tutto che appartiene a tutti gli esseri viventi per quanto differenti siano rispetto a noi che li osserviamo e che pertanto dobbiamo sforzarci di capire, tollerare e salvaguardare, come espressione di vita e parte di noi stessi.

Un “punto di vista” serve soltanto per semplificare la nostra percezione, non per questo è l’unico e vero; fa solo parte di una verità più assoluta di cui ancora non sappiamo molto ma di cui a volte abbiamo una percezione (…).

    Mi piace citare W. Blake:

   “Se le porte della percezione fossero sgombrate ogni cosa apparirebbe così com’è: infinita”.

C’è qualcosa che sta al di sopra dell’Arte?

La vita… è al di sopra di tutto e se è rispettata lei l’arte comunque rimane la sua espressione, per me, massima!

Qual è la tua più importante fonte di ispirazione?

La mia fonte di ispirazione deriva da ciò che non accetto.

Maria Peritore

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *