Anci Lazio – 15 mila euro per promuovere le attività artigianali di Arpino

Condividi la notizia!

“Da Anci Lazio circa 15 mila euro per promuovere e valorizzare le attività artigianali di Arpino: il mio impegno per la Città è sempre lo stesso!”. A parlare è il consigliere comunale Rachele Martino, componente del Direttivo regionale di Anci Lazio, la quale ha annunciato l’arrivo in paese di 14.460 euro (per la precisione) destinate a promuovere una tradizione molto cara alla città, quella della ceramica artistica.
“Questo finanziamento è il risultato della mia fattiva partecipazione alle attività dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani e dell’interesse e dell’impegno che coltivo per la mia Città; interesse ed impegno che non sono mai venuti meno, a prescindere dal ruolo che ricopro in consiglio comunale. Lo avevo promesso e così è. In sede di Direttivo Anci, di cui mi onoro di far parte, mi sono spesa molto sostenendo la validità del progetto presentato, il legame tra Arpino e la ceramica – ha dichiarato soddisfatto il consigliere Martino –.
“Maggioranza o minoranza per me non contano quando si pensa alla crescita di un territorio, come quello di Arpino, che merita tanto e che deve essere promosso all’esterno valorizzandone le sue numerose e pregiate tradizioni, una fra tutte quella della ceramica artistica. E’ arrivato al momento giusto il bando dell’Anci teso a sostenere e a valorizzare le attività artigianali e le buone pratiche dei comuni. Meritevole di attenzione e quindi beneficiario del contributo, per la provincia di Frosinone, il progetto messo a punto dal presidente della Fondazione Mastroianni, Andrea Chietini, e dal Comune di Arpino per la realizzazione della Campana d’Autore 2019” – ha continuato la consigliera dell’Anci.
“Un ringraziamento va sicuramente ad Anci Lazio, guidata dal Presidente Nicola Marini, che è da sempre vicina ai Comuni con numerose iniziative. Con questo bando, in particolare, l’Associazione – ha continuato la consigliera dell’Anci – Anci ha voluto sostenere iniziative volte al recupero delle tradizionali produzioni artigianali e valorizzarle mediante azioni specifiche di formazione e di marketing; censire e premiare le buone pratiche dei comuni nei vari settori della vita collettiva finalizzate a riscoprire antichi mestieri presenti nella tradizione locale; attivare percorsi di emersione dell’artigianato locale di carattere artistico o di particolare valenza identitaria; preservare la manualità artigiana quale attitudine ideale per la trasmissione intergenerazionale dei saperi e del saper fare, offrendo alle giovani generazioni strumenti di interazione con i Maestri artigiani”.

Condividi la notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *