Sampdoria-Frosinone 0-1, le pagelle dei canarini

Condividi la notizia!

di Roberto Mercaldo

Il Frosinone espugna Marassi e riduce a due soli punti il distacco dalla quart’ultima. Una giornata davvero storica per il club ciociaro, che firma con il suo capitano Daniel Ciofani la sorpresa più grande della quarta di ritorno. Ma vediamo come hanno interpretato la gara contro la Sampdoria gli uomini in maglia canarina.

SPORTIELLO 7,5

Una sola parata decisiva, sulla prepotente zuccata di Colley. In due secondi va giù, protende la mano guantata e la elegge con provvida intuizione paladina di un successo di platino.

GOLDANIGA 7

Mai dimentico del suo ruolo istituzionale, svolto con un ardore che rasenta la ferocia agonistica, si concede il volo pindarico di una sgroppata sulla corsia destra, trasformandolo nell’assist che cambia la storia.

SALAMON 7,5

Già contro la Lazio aveva mostrato come le sue certezze fossero in crescita esponenziale. Al Ferraris lo ha ribadito con una prestazione che gli ha consentito di stroncare sul nascere ogni velleità degli avanti blucerchiati.

CAPUANO 7

Nella posizione che gli è più congeniale, esegue un compito tutt’altro che agevole con apparente facilità, francobollando con tempestività svizzera gli slanci mai troppo estrosi dei dirimpettai genovesi.

ZAMPANO 7

Si vede dal fischio iniziale che è ispirato e determinato. Stavolta, a differenza del match con la Lazio, il passare dei minuti non ne spegne l’ardore, anzi ne alimenta certezze fatte di corse proficue e chiusure tempestive.

CHIBSAH 7,5

Se nell’inesauribile cascata di energia che lo alimenta trovasse talvolta la gemma di una conclusione o di un assist vincente, sarebbe giocatore da palcoscenici internazionali. Ce lo teniamo volentieri anche così, perché sbucare dappertutto e razziar palloni come un pirata indomito è utile quanto una giocata sopraffina.

MAIELLO 6,5

C’è da lavorare, e tanto, in fase d’interdizione, e Raffaele non si tira indietro, anzi… Usa più la clava che il fioretto perché il copione lo esige, a discapito delle geometrie, che disegna con meno precisione rispetto ai suoi standard.

CASSATA 6,5

A testa alta fronteggia i centrocampisti doriani senza mai mostrare soggezione. Imposta il gioco con buona autorità e non diminuisce i giri dopo il giallo mostratogli da Marinelli.

GORI 6,5

Entra nel finale e ci mette la consueta applicazione, sebbene non sia semplicissimo calarsi nel match quando l’arrembaggio dei padroni di casa si fa furioso. Ha esperienza e capacità per tener botta.

BEGHETTO 6,5

Deve frenare un po’ la sua naturale tendenza alle puntate offensive, per esprimersi compiutamente in quel lavoro di contenimento che di solito non è nel suo menu prediletto. Si sacrifica per la causa in modo lodevole.

CIANO 6,5

È molto bravo a tener palla, guadagnando tempo e qualche punizione vitale per alleggerire la pressione doriana. Un millimetrico fuorigioco gli sottrae un’opportunità colossale. Si rifarà…

TROTTA 6,5

Bravo ad entrare subito nel vivo della gara. Gioca un buon numero di palloni e si batte con coraggio in un settore del campo dove le maglie giallazzurre sono ben poche.

CIOFANI 7,5

Il capocannoniere di sempre della storia del club si prende la soddisfazione di tornare al gol in un momento cruciale. La sua conclusione chirurgica regala al Frosinone i tre punti che restituiscono la speranza di una salvezza ora non più chimerica.

BARONI 7

Il suo Frosinone è un team consapevole dei propri limiti, ma non per questo rassegnato. L’interpretazione della gara di Genova è una perla di saggezza sbattuta in faccia a chi con superficialità e arroganza aveva già decretato per il Frosinone una condanna precoce.

 

(foto Frosinone Calcio)

Giornalista del quotidiano online “TuNews24.it”, è stato Caposervizio dei quotidiani “Ciociaria Oggi” e “Il Quotidiano della Ciociaria” e responsabile delle pagine sportive del quotidiano “La Provincia”.

Condividi la notizia!

Roberto Mercaldo

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it", è stato Caposervizio dei quotidiani "Ciociaria Oggi" e "Il Quotidiano della Ciociaria" e responsabile delle pagine sportive del quotidiano "La Provincia".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *