Verso Inter-Frosinone: Spalletti pensa al turnover in vista del Tottenham

Condividi la notizia!

Dopo sette vittorie di fila, l’Inter ha visto interrompere la sua striscia positiva dall’Atalanta, che tra le mura amiche ha rifilato un poker all’undici meneghino. La Beneamata è così scesa al terzo posto a tre lunghezze dal Napoli secondo e a ben nove dalla capolista Juventus. La squadra nerazzurra ha centrato complessivamente otto vittorie e un pareggio, a fronte di tre sconfitte. 22 le reti realizzate da Icardi e compagni, mentre sono 10 quelle incassate da Samir Handanovic. Lo sloveno è alla settima stagione consecutiva alla difesa della porta interista. Alle sue spalle Daniele Padelli come secondo, Tommaso Berni come terzo e l’ex Latina Raffaele Di Gennaro come quarto.

Mister Luciano Spalletti schiera i suoi a quattro in difesa: al centro si rivede Stefan de Vrij che andrà a far coppia con Milan Skriniar. Sulla corsia destra Danilo D’Ambrosio agirà al posto di Sime Vrsaljko, che ha riportato un’elongazione del bicipite femorale della coscia sinistra nell’ultimo match disputato con la nazionale croata. A sinistra, invece, spazio al recuperato Kwadwo Asamoah visto il forfait del brasiliano Dalbert.

L’allenatore di Certaldo sembra intenzionato a confermare il 4-2-3-1, ma non è da escludere il passaggio al 4-3-3. Con Marcelo Brozovic squalificato, davanti alla difesa dovrebbero agire Borja Valero e uno tra Roberto Gagliardini e Matías Vecino. Da valutare l’impiego dal primo minuto di Radja Nainggolan che potrebbe trovare spazio a gara in corso, visto l’imminente impegno di mercoledì sera in Champions League a Wembley contro il Tottenham.

Sulla trequarti l’unico certo del posto è l’argentino Lautaro Martínez, arrivato in estate dagli argentini del Racing Club de Avellaneda. A destra Matteo Politano è in ballottaggio con Antonio Candreva, mentre sulla sinistra Keita Baldé potrebbe far rifiatare Ivan Perisic. Riferimento avanzato il capitano Mauro Icardi, autore finora di sette gol in campionato. Il turnover sembrerebbe non risparmiare nemmeno il numero 9, che potrebbe venire preservato per il match di Champions League. A quel punto Spalletti si affiderebbe al portoghese João Mário, non inserito nella lista consegnata alla UEFA e autore di prestazioni molto positive nelle scorse settimane, con il conseguente passaggio al 4-3-3.

L’Inter è reduce da quattro successi consecutivi al “Meazza” e cercherà di prolungare la propria striscia. Nell’unico precedente con il Frosinone, risalente al 22 novembre 2015, ha avuto la meglio con un netto 4-0, firmato dalle reti di Biabiany, Icardi, Murillo e Brozovic. La squadra di Moreno Longo va a caccia dell’impresa in quel di “San Siro” contro la corazzata nerazzurra, con l’auspicio di dare continuità alla serie di quattro risultati utili messa in cascina nell’ultimo mese.

Condividi la notizia!

Stefano Pantano

Laureato in Scienze della Comunicazione a Roma 2 con una tesi sulla prima, storica, promozione del Frosinone Calcio in Serie A. Giornalista pubblicista, collabora con il quotidiano online "TuNews24.it", con il settimanale "Tu Sport" e con il quindicinale "Alé Frosinone" oltre che con i portali "CalcioMercato.com" e "MondoSportivo.it", di cui è caporedattore.