martedì 17 Maggio 2022
B1-970x250-TUNEWS24
HomeAttualitàAsl, ecco la nuova frontiera per il trattamento delle emorragie interne non...

Asl, ecco la nuova frontiera per il trattamento delle emorragie interne non comprimibili

L’obiettivo di quest'innovativa procedura è quello di consentire un rapido arresto del sanguinamento

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
Lo scorso 22 di aprile è stato eseguito a Belcolle il primo trattamento con tecnica REBOA (resuscitative endovascular balloon occlusion of the aorta) su un paziente di 42 anni con shock emorragico.
 
La procedura, innovativa su tutto il territorio regionale, rappresenta una nuova frontiera per il trattamento delle emorragie interne non comprimibili attraverso il posizionamento di un catetere a palloncino nell’aorta, eseguendo un clampaggio interno in grado di controllare il sanguinamento al di sotto di esso.
 
“Il paziente – spiega il direttore dell’unità operativa di Chirurgia generale dell’ospedale viterbese, Roberto Santoro -, è stato portato al nostro Pronto soccorso nella giornata di venerdì 22 aprile, in seguito all’improvvisa comparsa di una sintomatologia caratterizzata da dolori addominali di notevole intensità associati a pallore cutaneo, sudorazione, tachicardia e ipotensione.
 
Per tale motivo è stato sottoposto immediatamente agli accertamenti clinici-strumentali, tra cui una Angio-TC, con riscontro di un voluminoso ematoma retro-peritoneale causato dalla rottura di aneurisma splenico non noto.
 
In seguito alla comparsa di uno stato di instabilità emodinamica, il paziente è stato portato rapidamente in sala operatoria da un’équipe composta da un rianimatore, un anestesista, due chirurghi generali, due chirurghi vascolari e due radiologi interventisti.
 
Contemporaneamente alla laparotomia abbreviata, è stato eseguito dai radiologi interventisti un accesso arterioso femorale utile al posizionamento di un pallone aortico che, gonfiato a monte della fonte di sanguinamento (in sede sovraceliaca), ha determinato un ripristino di una pressione sistolica adeguata alla corretta perfusione di cuore e cervello. Durante l’intervento sono stati eseguiti cicli di sgonfiaggio e gonfiaggio del pallone al fine di garantire una perfusione addominale sufficiente a limitare le eventuali complicanze ischemiche intestinali.
 
In condizioni di controllo vascolare assoluto, si è quindi proceduto all’intervento chirurgico di splenectomia previa legatura dell’arteria splenica all’origine, svuotamento della sacca aneurismatica, rimuovendo un voluminoso ematoma”.
- Pubblicità -
Redazionehttps://www.tunews24.it
SEGUICI ANCHE SUI SOCIAL
Facebook: TuNews24 e TuSport24
Instagram: TuNews24 e TuSport24
Youtube: TuNews24
Telegram: TuNews24
Puoi leggerci anche in formato cartaceo: il settimanale viene pubblicato e distribuito gratuitamente ogni venerdì in edicole, bar, centri commerciali e svariati esercizi. Ma è possibile anche sfogliarlo comodamente online, cliccando su TU NEWS sfogliabile
TU NEWS, PASSIONE PER L’INFORMAZIONE
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24