martedì 17 Maggio 2022
B1-970x250-TUNEWS24
HomeCulturaVeroli - Intervista alla delegata alla Cultura Francesca Cerquozzi

Veroli – Intervista alla delegata alla Cultura Francesca Cerquozzi

Cultura e turismo un connubio indispensabile per l’economia della nostra terra

- Pubblicità - B1-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24

Tanti gli eventi che negli anni hanno esaltato le sue doti di donna, sì politica ma anche dedita allo sviluppo della sua città. Per la prossima estate ha già in cantiere un libretto ricco di importanti manifestazioni


Francesca Cerquozzi, delegata alla Cultura con un curriculum organizzativo di tutto rispetto, nel suo profilo ha scritto filosofa. Si è laureata in Filosofia, studiando anche Master in Management e politiche delle pubbliche amministrazioni oltre al Master in leadership politica presso Luiss School of Government.
Un curriculum vitae con una plusvalenza culturale non da poco. Ora è consigliere comunale con delega alla Cultura. Ombre si accavallano sul suo futuro politico-amministrativo perché troppi sono i rumors degli ultimi tempi.


L’incipit del nostro dialogo

- Pubblicità -

La voce ricorrente informa che tu devi metterti in un cantuccio perché il PD e persino il tuo sindaco hanno fatto la loro scelta per le prossime elezioni amministrative. “Questa mi sembra più un auspicio di qualche avversario che sogna di dividerci, piuttosto che la rappresentazione della nostra maggioranza. Ti assicuro che tutti noi siamo impegnati al massimo nel proseguire il lavoro di miglioramento della nostra città. Il sindaco, la giunta e tutti noi continuiamo a realizzare il programma presentato agli elettori e sinceramente non lavoriamo con l’assillo di capire chi sarà il candidato sindaco alle elezioni prossime venture”.

La voce ricorrente vorrebbe candidata Assunta Parente

Sembra infatti che le stanze dei bottoni, non solo una, abbia fatto sapere che sarà Assunta Parente la prescelta del… Signore. Tu, eventualmente, saprai rispondere ‘ecco l’ancella vostra e fate di me secondo le vostre volontà’? “Caro Egidio, le amministrative di Veroli sono ancora lontane. Mancano ben due anni e abbiamo davanti, sia come amministrazione sia come Partito Democratico, tanti obiettivi da raggiungere prima di incominciare a discuterne. Capisco che immaginare una “Stanza dei bottoni” dove tutto si decide racchiuda un suo fascino icastico, ma la nostra è una maggioranza plurale che ha sempre fatto del confronto e della condivisione la sua prerogativa principale. Sono certa che come è sempre avvenuto sinora anche in futuro sapremo trovare la giusta strada. Se ci sarà “l’ipotesi Assuntina”, con il suo enorme bagaglio di esperienze politiche ed amministrative, sarò felice di sostenerla; del resto è una donna ed io tiferò sempre per una donna, seria e competente. E questo vale in politica, come in tanti altri campi. Però, ripeto ancora, siamo a due anni ed il dibattito sul futuro comprendo possa affascinare più te che me”.

Con la Cerquozzi la cultura ha fatto un salto di qualità

- Pubblicità -

La Cultura ha fatto con te un salto di qualità. La cultura hai detto spesso è la fonte della economia della nostra città. Non solo Fasti, libri con i soliti “do ut des”, non solo festicciole di borgo, ma il Festival della Filosofia, apparso i primi tempi una novità culturale ‘strana’ per Veroli, è stata per te una sfida vinta? “Veroli è una città che rappresenta un’avanguardia culturale per la nostra provincia. Io da quando mi è stata affidata la delega alla Cultura ho cercato sempre di fare il massimo per favorire e valorizzare dal punto di vista storico, artistico e culturale il nostro bellissimo paese. Hai detto bene: la cultura deve essere il valore aggiunto, il volano della nostra economia. Soprattutto con il turismo. Il Festival della filosofia è nato su questo solco. Un’iniziativa che abbiamo “inventato” durante il lockdown soprattutto perché volevamo continuare a fare cultura nonostante le numerose restrizioni”.

Non solo Festival della Filosofia

Non ci siete riusciti, non solo grazie al Festival della filosofia.
“E’ vero! Questo è solo uno dei tanti eventi che organizziamo a Veroli, grazie anche alle diverse realtà che collaborano con la nostra amministrazione. Penso all’associazione culturale “Duecento22 Arti e Spettacolo” che in questi anni ha avuto un grande successo con “Chiostro in scena”, alla Libreria Ubik di Frosinone che con “Incontriamoci a Veroli” è un tassello fondamentale della nostra estate, all’associazione “Tutti i colori del libro” che ormai da tre anni organizza a Veroli il “Festival dello sport raccontato”. Ma anche la tua Verevent è sempre in prima linea nell’organizzazione di eventi importanti come l’ormai famoso Premio Veroli alla memoria dove vegono premiati personaggi che hanno contribuito a scrivere pagine della nostra terra. Questi sono solo alcuni esempi per dire che la cultura a Veroli è una sfida vinta non solo per il lavoro dell’amministrazione, ma anche grazie all’impegno e alla passione di tante persone che amano Veroli”.

Tanti personaggi sono arrivati a Veroli

- Pubblicità -


Torniamo alla estate verolana con il suo Festival che ha permesso di far salire nella location di Santa Salome, filosofi, personalità, personaggi e giornalisti di alto rango. Primo su tutti il direttore del Corriere della sera. Quest’anno riproporrai il Festival dopo le ristrettezze della pandemia? “Certo, anche quest’anno riproporremo il Festival. Non parliamo ancora di nomi perché stiamo chiudendo il calendario, ma posso assicurare che sarà un festival di alto livello culturale”.


La Mostra excellence di Klimt una vera ‘chicca’


Ultima tua ‘chicca’, inaugurare il palazzo comunale con l’excellence di Klimt. Anche questa una scommessa. Vinta o persa? “Oggi possiamo dire che è stata una sfida vinta. La Mostra era un progetto, secondo alcuni, anche azzardato. Un evento internazionale ospitato in una media città di provincia. Eppure abbiamo dato prova di grande organizzazione, grazie anche al lavoro e all’impegno dei ragazzi della Pro Loco che non finirò mai di ringraziare, agli uffici, e ai commercianti del centro storico che non si sono fatti trovare impreparati. La mostra, visitata da circa 7000 persone, ha avuto recensioni tutte più che positive. E soprattutto, ed è la cosa che mi e ci inorgoglisce di più, tutti sono rimasti incantati dalla bellezza di Palazzo Campanari. E questo, Egidio, è solo l’inizio”.


L’estate Verolana si arricchisce anche di tre importanti appuntamenti

Ci sono poi tre eventi extra che porteranno al Polivalente (lo sperano gli organizzatori) numerosi spettatori. Anche questi faranno parte del libretto della vostra estate? “Certo, tutti gli eventi, sia quelli organizzati dall’amministrazione che quelli organizzati da associazioni esterne, faranno parte del nostro calendario estivo. Sono sicura che gli eventi di cui parli, e per i quali ti stai impegnando tanto e in prima persona, porteranno a Veroli tante persone e noi naturalmente ci saremo”.

Ne siamo orgogliosi perché le tue riflessioni sono sempre super partes



Una battuta finale: vedremo Francesca Cerquozzi con la fascia di sindaco oppure è solo un tuo sogno?
“È una domanda, Egidio, che mi poni  continuamente, della quale non comprendo la motivazione, tuttavia provo a risponderti, con franchezza, sperando di chiarire definitivamente la mia posizione. Se chiedessi ad un giocatore di calcio, di qualsiasi categoria, se sognasse mai di giocare la finale di Champions , naturalmente ogni giocatore direbbe di sì. La domanda è se io penso che questo possa avvenire nel prossimo futuro la risposta è no. Credo ognuno di noi debba ora dare il massimo per governare bene, dare risposte, tenere unita questa alleanza tra civiche e partiti, pensando ad allargare il campo. La squadra deve venire prima delle singole ambizioni, perché uniti si vince e si danno risposte ai verolani”.
Come sempre ‘tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia’, un dono non facile da riscontrare in un… politico.

- Pubblicità -
Egidio Cerellihttps://www.tunews24.it
Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.
- Pubblicità - B4-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B5-300x250-TUNEWS24

ARTICOLI CORRELATI

- Pubblicità - B6-300x250-TUNEWS24

Più LETTE

- Pubblicità - B2-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24
- Pubblicità - B3-HOMEPAGE-300x250-TUNEWS24