Veroli – Restaurata la Cappella San Luigi grazie ai fratelli Dino e Paolo Iannarilli

Condividi la notizia!

“Emozionante tornare ad inginocchiarmi per un attimo di meditazione nella Cappella di San Luigi a me cara come seminarista degli anni 50/60”

Il Vescovo ha concelebrato l’inaugurazione in forma privata con il parroco don Andrea e l’amministratore don Gianni

di Egidio Cerelli

Non posso nascondere la mia personale grande emozione nel rimettere piede all’interno della Chiesa di San Luigi presso il Seminario Vescovile di Veroli che, seppur attualmente non ospita i giovani avviati al Sacerdozio come è stato per oltre 4 secoli, tuttavia rimane una preziosa realtà della Diocesi e della Città che in esso, riconosce un importante pezzo della sua storia più bella! Il mio ricordo personale da seminarista della fine degli anni 50/60 fa riavvolgere la moviola del mio cervelletto quando la meditazione mattutina dentro quella cappella allora ristrutturata grazie a mons. Guido Ranalli, rettore, il quale con un viaggio oltreoceano riuscì a reperire fondi per il suo primo intervento, ci permetteva di iniziare la giornata in preghiera. Era altresì un appuntamento quotidiano per noi seminaristi inginocchiarsi raccolti per l’incontro con Gesù sacramentato o con il padre spirituale. I miei compagni allora erano don Sosio, don Franco, don Dante, don Franco, don Vittorio (ne cito solo alcuni). Veniamo ad oggi e rivedere quell’angolo ci ha per davvero emozionati e non poco.

Inaugurazione il giorno di San Luigi

Il 21 giugno scorso – festa del santo giovane Gesuita che, infettato lui stesso, morì assistendo gli appestati della sua regione lasciandoci un bellissimo esempio di chi sa dare la vita per i più poveri e, tra questi, i malati appunto –  il nostro Vescovo Ambrogio, con una  Concelebrazione Eucaristica da lui presieduta, ha voluto essere presente a  questo bel momento della riapertura del bellissimo angolo dell’antico edificio che, da oltre 25 anni era di fatto stato chiuso e  non più visitabile o idoneo a potervi celebrare la Messa per mancanza di funzionalità e decoro: due realtà queste che sappiamo stanno tanto a cuore al Vescovo affinché le nostre azioni rivolte a Dio, conservino sempre quella Bellezza e Dignità  che di Dio sono bellissime prerogative!

Al suo fianco, don Gianni, Amministratore del Seminario/ Casa del Clero e il Parroco della città don Andrea insieme al suo Vicario parrocchiale don Giovanni di Dio. Dentro,  non oltre 35 persone a causa delle norme anti Covid ancora da rispettare, molti dei presenti erano fuori piazza Baronio, e negli spazi interni  tutti rimessi a nuovo ed abbelliti con attenzione ai particolari e tanto buon gusto che conservano allo stesso tempo lontananza dallo sfarzo e da inutili sprechi  che poco si addicono alla Chiesa e le sue Strutture!

Una ristrutturazione necessaria e molto attinente

Le nuove luci, la ritrovata lucentezza del pavimento, le restaurate suppellettili che adornano il bellissimo Altare,  la Sacristia risistemata e resa decorosamente funzionale, hanno ridonato a questa Chiesa una bellezza antica capace di aiutare e favorire la preghiera ed il raccoglimento. Gli affreschi che furono realizzati negli anni sessanta dalla Scuola dei Fratelli Fontana già attenti discepoli del Conte De Witten raffiguranti i Misteri del Rosario e quindi della vita di Gesù e di Sua Madre, risplendono di nuova bellezza e parlano della passione che tanti nostri concittadini seppero mettere in moto per il loro Amore ed attaccamento alla Chiesa e alla loro amata Città.

 Siamo sicuri che la sensibilità del nostro Vescovo e quella a noi nota di Don Gianni, unitamente alle competenze della Dottoressa Luisa Alonzi incaricata degli Uffici Beni Culturali Diocesano e responsabile tra l’altro dell’Archivio Storico Diocesano che il Vescovo  ha voluto nel Seminario, renderanno possibile inserite  tra gli altri itinerari pensati per i Turisti, insieme alla Biblioteca Giovardiana, anche questo angolo di fede e di storia che è parte integrante della nostra Storia Locale e non. Non mi dispiace pensare che nel prossimo futuro, si pensi ad occasioni in cui poter celebrare qualche ricorrenza con la presenza dei Fedeli!


Miracolo nel miracolo

Un miracolo nel miracolo risulta essere il fatto che tutto il necessario per la sistemazione ed il decoro della Chiesa e degli ambienti circostanti, sia stato frutto della sensibilità e generosità di alcuni cittadini e Amici del Vescovo e di Don Gianni che, con questo gesto, hanno voluto omaggiare la memoria del loro papà – come nel caso di Dino e Paolo IANNARILLI della I.CO.PA., della Famiglia Valeri VALID PLASTIC di Strangolagalli e del Prof. Lorenzo Ingegno già Primario Ortopedico presso gli Ospedali di Frosinone e di Alatri. A loro, anche il nostro sentito GRAZIE per un gesto così nobile,  bello e concreto!

Mentre i lavori presso il Seminario, per volontà del nostro Vescovo Ambrogio continuano su più fronti per ridare all’Antico Palazzo la sua originaria bellezza, utilità e quindi uso, sono stato informato che per la fine dell’anno saranno rifatte tutte le facciate esterne che vennero rifatti fine anni 50 dalla ditta Cervini di Boville! Credo che  risulterà allora uno dei Palazzi più belli del Centro Storico insieme agli altri che da sempre  cantano la storia di questa amata e fiera Hernica Terra! Dunque… DUC IN ALTUM, prendiamo il largo e non abbiamo mai paura di dare e fare il meglio per lasciare tracce del nostro… passaggio!

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.