L’Eccidio Settimanale – Orgoglio verolano di Luca Cironi a ‘I Soliti Ignoti’

Condividi la notizia!

Una settimana di sali e scendi dove ancora dominano gli imbecilli senza mascherina e siamo alla vigilia della festa patronale. Consiglio comunale poco mordente con la conferma di Luca Renzi nel Gruppo Misto con Egidio Lombardi


di Egidio Cerelli

La politica ha fatto la sua parte in una Veroli che appare meno prolifica tra le braccia malefiche della dea bendata del Covid. Non più decessi anche se ancora tanta è l’incoscienza da parte di imbecilli senza il buon senso verso se stessi e nei confronti del prossimo. Giovanotti senza mascherina e nemmeno a… distanza regolamentare richiesta dalle norme di sicurezza emanate giorno dopo giorno dal Ministro Speranza. Speranza di un futuro migliore che però potrebbe svanire per colpa di chi non ha il senso della vita. Peccato che le Forze dell’ordine non ne beccano uno che sia uno per sanzionare multe dando così segnali di prevenzione contro il virus subdolo ed invisibile che ancora non è proprio in fase calante. Si nasconde purtroppo sotto le ceneri quasi con la voglia di risorgere come l’araba fenice. Veroli è un pullulare di incoscienti senza pudore e senza quella responsabilità indispensabile ancora per il tempo necessario per debellare quella molecola che appare ritornare seppur lentamente verso il cestino dell’oblio.

Politica: partita al tie break tra Luca Renzi e Lazzaro Cestra

La politica invece ha avuto due momenti interessanti: il consigliere Luca Renzi ha lasciato Lazzaro Cestra (Lista civica Cittadini di Veroli) suo mentore politico verolano da anni per passare nel limbo (Gruppo misto) dove ha trovato ad accoglierlo a braccia aperte il consigliere delegato alla Sanità, Egidio Lombardi.
La diatriba tra i due, Renzi e Cestra della Lista Civica Cittadini di Veroli non sembra però andare in letargo perché sarebbero in arrivo non solo altri SMS come è successo sinora, ma persino lettere dal sapore abbastanza ‘piccanti’. L’uno contro l’altro persino con frasi ‘pesanti’. E non finisce qui perché sotto ancora gatta ci cova.
Si preannunciano infatti, perché già pronti, comunicati per una partita di ping pong arrivata al tie break.
Altro momento di poco conto la seduta del Consiglio comunale, dove le opposizioni non sanno che pesce prendere se non per qualche interrogazione che sfiora la aritmetica ma non l’algebra. Eppure gli intervenuti di turno davanti al microfono tengono bene in vista il foglio con le ‘notes’ che però si frantumano perché senza costrutto politico.
Per non parlare poi dei relatori delle singole voci che annoiano pure quei due o tre astanti giacchè partano dal Venezuela con il traghetto e non già con la nave per non dire con l’aereo per illustrarne una. Per qualcuno(a) invece il leitmotiv erano articoli che si confondevano con numeri di delibere magari inesistenti perché nessuno ne conosceva o poteva interessare più di tanto. Una variazione di bilancio proponeva almeno venti e passa numeri tra delibere ed atti con date da annoiare financo il compagno vicino ad un metro e mezzo di distanza.

Perché non essere più semplici nel parlare indicando da subito la strada più breve, che ne so, che indichi per scendere a Frosinone il prendere la Superstrada senza invece fare giri viziosi come andare ad Alatri poi a Fiuggi e quindi prendere l’autostrada ad Anagni per poi tornare indietro sino all’uscita di Frosinone. Così appare spesso nelle sedute consiliari dove la semplicità è ormai fuori uso. Basta per favore cari relatori. Il vostro parlare sia ‘sì-sì—no-no’
La curiosità all’interno dell’Aula Magna dove si teneva l’assise consiliare era per tutti vedere l’uno al fianco dell’altro la coppia di consiglieri Renzi e Lombardi, appunto di nuova costituzione. Lombardi sta comunque nel giro di Lazzaro Cestra. Renzi come la mettiamo? O forse si odono suoni di tromba che arrivano dal gruppo consiliare più forte che è quello capitanato dalla coppia di ferro, Germano Caperna e Cristina Verro? Beh il Renzi verolano potrebbe rispondere alle sirene dell’altro Renzi sulla riva dell’Arno. Chi vivrà vedrà!


Vigilia della festa Patronale in onore di Santa Maria Salome
Il grande sogno della Biennale del Ferro Battuto

Intanto siamo alla vigilia dei festeggiamenti dedicati alla Patrona Santa Maria Salome. Solo Messe e rosari ad eccezione non del corteo ma della deposizione di una corona al monumento dei caduti il 24 maggio senza però la banda. Poi Messe da mane a sera per quanti entreranno all’interno della Basilica dove c’è anche la Scala Santa, una delle tre esistenti al mondo.
In tanti hanno accolto la nostra proposta per organizzare, almeno una tantum, la Biennale del Ferro battuto che è stato il decennale appuntamento estivo che proponeva la nostra Veroli al centro dell’attenzione mondiale. La qualità cari signori non è acqua! Anche personaggi che contano si sono detti disponibili a dare una mano. Ed allora sentiamoci. Intanto arrivano rumors circa eventuali appuntamenti estivi di cui però ancora non si può parlare.

Luca Cironi orgoglio verolano su Rai Uno

Una noticina a parte, peraltro molto simpatica, la merita il nostro Luca Cironi della omonima Norcineria Cironi che si è presentato ai ‘Soliti Ignoti’ di Amadeus con la sicurezza di chi è solito salire alla ribalta davanti alle telecamere… ’mi chiamo Luca Cironi e vengo da Veroli in provincia di Frosinone’. Lo ha detto con quel pizzico di orgoglio che subito è entrato nelle grazie di Jo Squillo. La sua mortadella è diventata di colpo uno ‘special guest’ della serata raccogliendo poi sul suo profilo migliaia di post con nuovi followers da farlo diventare ancor più… famoso della trasmissione. Bravo al nostro concittadino che ha lanciato da Veroli, nella fattispecie da Via Brecceto la ‘mortadella’ insieme a tanta pubblicità per la città di Veroli. Bravo Luca! Meriti ancora il primo posto nella prossima edizione dei Fasti Verulani che oltre alla mortadella proponi anche pecora al sugo e trippetta oltre ad una vasta gamma di carne alla brace! Ancora un bravo perché orgoglioso del suo suol natio.

Prato di Campoli con nuovo look

Ed infine, Prato di Campoli sta rifacendosi il look con i tre pozzi sul pianoro e con parcheggi di circa un chilometro e con la nuova strada che porterà sin sopra lo slargo paradisiaco della ‘Femmena morta’. Ciò grazie ai finanziamenti che con Mauro Buschini è stato possibile attingere dalle casse regionali. Ne vanno orgogliosi il sindaco ed i due assessori ai LLPP Simonelli e della montagna Fiorini.
Buona festa patronale! Evviva Santa Salome!

Condividi la notizia!

Egidio Cerelli

Giornalista del quotidiano online "TuNews24.it" e del settimanale cartaceo "Tu News", inizia a collaborare con il Messaggero il 29 aprile 1973, quindi con il Corriere di Frosinone, Radio Frosinone, TeleUniverso e Itr, per le telecronache del Frosinone Calcio e del Basket Veroli. Quindi Extra Tv, Ciociaria Oggi, La Provincia Quotidiano e Tg24. Organizzatore di numerosi eventi tra cui la Biennale del Ferro Battuto, Premio Veroli con Mogol, Premio Valente con Gaetano Castelli.